L'Opera per Tutti

Il primo sito italiano dedicato agli sconti dei teatri lirici!

Dolce Cenerentola lo spettacolo di As.Li.Co.-Opera Kids per RegioYoung 2021-2022

Una storia interattiva che diverte e avvicina i più piccoli, attraverso il gioco, ai valori dell’onestà, della bontà, della gentilezza. Dolce Cenerentola, in scena al Ridotto del Teatro Regio di Parma venerdì 25 marzo 2022, ore 11.00 per le scuole; sabato 26 marzo 2022 ore 15.30 e ore 18.00 per le famiglie, è lo spettacolo di As.Li.Co.-Opera Kids tratto da La Cenerentola di Gioachino Rossini, con la regia di Simone Guerro, le animazioni a cura di Nadia Milani, i pupazzi di Ilaria Comisso, la drammaturgia musicale di Giuseppe Califano.

In scena il mezzosoprano Matilde Lazzaroni (Cenerentola, mezzosoprano), gli attori Giacomo Occhi (Principe Ramiro/Dandini) e Miriam Costamagna (Don Magnifico/Clorinda/Tisbe), e il pianista Hyeji Choi, nei panni di Alidoro daranno vita a uno spettacolo partecipativo, in cui il giovane pubblico è invitato a cantare un’aria dell’opera e interagire con gli interpreti con coreografie e lavori preparati in classe grazie al materiale didattico distribuito agli insegnanti.

In un antico castello vive Cenerentola, una fanciulla dal cuore grande che riesce a mantenere intatta la sua gentilezza anche di fronte ai capricci e ai torti subiti delle due sorellastre e del patrigno, Don Magnifico. Un giorno arriva al paese il principe Ramiro in cerca di moglie. Non è facile per un principe trovare una donna che lo ami davvero e non sia solamente affascinata dalla sua ricchezza. Il principe escogita quindi un piano: scambierà i propri abiti regali con la divisa del suo cameriere per qualche giorno. Solo così riuscirà a capire se sarà vero l’amore della donna che incontrerà. Nasce così una commedia che parla della ricerca della vera umanità: mentre gran parte del mondo si muove per avere potere e denaro, esistono e resistono persone che hanno l’onestà come valore più grande. Un valore che unisce ricchi e poveri, donne e uomini.

“Rossini pensò La Cenerentola come critica al declino dei valori della società del suo tempo. È un’opera sull’importanza dell’onestà, sulla necessità di un ritorno ai valori più semplici – scrive il regista Simone Guerro. “Niente fate, niente magie: Cenerentola per uscire dalla sua prigione domestica dovrà farcela da sola e la dolcezza è la sua arma più efficace. La nostra storia rispetta la vicenda dell’opera di Rossini e ne prende in prestito alcune musiche più celebri. In scena, Cenerentola e il principe Ramiro sono interpretati da un attore e una cantante in carne ed ossa, mentre le sorellastre e Dandini sono dei pupazzi, grotteschi e sopra le righe, e Don Magnifico è una grande maschera, tutte caricature di una società attratta dal potere, dalla fama, dal denaro”.

“La forma scelta da Rossini è quella del dramma giocoso: personaggi comici, ma anche figure che fanno ridere ben poco, addirittura i cattivi – spiega il compositore Giuseppe Califano, che ha curato la drammaturgia musicale dello spettacolo. “Non solo risate, ma anche sentimenti, innamoramenti, gelosie, mentre gli aspetti più cruenti della fiaba originale sono risolti da Rossini con la consueta leggerezza, perché la musica e il libretto rendono i personaggi negativi una caricatura della malvagità […]. I momenti più irresistibili dell’opera di Rossini sono conservati: lo scambio di identità tra Ramiro e Dandini, il sestetto Questo è un nodo avviluppato, i momenti in cui i personaggi sono immobili come un fermo immagine mentre la musica si carica di energia… Dunque, gioco, ironia, leggerezza creano una drammaturgia perfetta e costruita senza fatica, perché è già lì, a portata di mano, tra le geniali note del nostro Rossini”.

Prossimo appuntamento di RegioYoung: CenerentoQUA CenerentoLA, lo spettacolo tratto da La Cenerentola di Gioachino Rossini prodotto da AsLiCo in scena sabato 23 aprile 2022, ore 15.00 e ore 18.00, al Ridotto del Teatro Regio di Parma, con la regia di Sara Zanobbio e la drammaturgia musicale di Anna Pedrazzini. Una musicista e un’attrice che guideranno grandi e piccoli attraverso un percorso che tramite tutti i sensi avvicina all’opera con colori, forme, materiali e linguaggi pensati a misura di neonato. Protagonista una bambina alle prese con la rivalità fraterna, con quella sensazione di essere irrimediabilmente superata e il timore di non poter conquistare l’amore e la stima dei genitori. Ma Cenerentola è un’eroina, forte e sognatrice e nella solitudine impara a scoprire grandi avventure nelle piccole cose, a guardare, ad ascoltare e ad amare il ritmo, trovando incredibili musiche ovunque, cantando i suoi sogni. Non sarà un principe azzurro, ma proprio la musica, a spronarla al cambiamento e alla trasformazione, fino ad essere capace di vincere la sua tristezza e riscoprire l’amore per il padre e le sorelle, quattro note singole unite per sempre in una meravigliosa quartina.

BIGLIETTERIA DEL TEATRO REGIO DI PARMA

I biglietti per (€10.00 intero; €5.00 ridotto) sono in vendita presso la biglietteria del Teatro Regio di Parma.

Le scuole sono invitate a scrivere a educational@teatroregioparma.it

Biglietteria del Teatro Regio di Parma Strada Giuseppe Garibaldi, 16/A 43121 Parma Tel. +39 0521 203999, aperta dal martedì al sabato ore 11.00-13.00 e 17.00-19.00 e un’ora precedente lo spettacolo. In caso di spettacolo nei giorni di chiusura, da un’ora precedente lo spettacolo. Chiuso il lunedì, la domenica e i giorni festivi. Il pagamento presso la Biglietteria del Teatro Regio di Parma può essere effettuato con denaro contante in Euro, con assegno circolare non trasferibile intestato a Fondazione Teatro Regio di Parma, con PagoBancomat, con carte di credito Visa, Cartasi, Diners, Mastercard, American Express. È inoltre possibile utilizzare i voucher di rimborso ricevuti a fronte degli spettacoli annullati per l’emergenza sanitaria.

I biglietti sono disponibili anche su festivalverdi.it. L’acquisto online non comporta alcuna commissione di servizio.

Martina Moretti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna in alto