L'Opera per Tutti

Il primo sito italiano dedicato agli sconti dei teatri lirici!

Giuseppe Gibboni con L’Orchestra da camera di Perugia diretta da Enrico Bronzi per la Stagione Concertistica 2023 Teatro Regio di Parma

Il giovane violinista eseguirà il Concerto in re maggiore di Niccolò Paganini, con il quale ha trionfato a Genova nel 2021. Completano il programma l’Ouverture da Le nozze di Figaro di Wolfgang Amadeus Mozart e la Sinfonia in do maggiore n.6 di Franz Schubert.  Teatro Regio di Parma domenica 5 marzo 2023, ore 17.30

La stella del violino Giuseppe Gibboni, vincitore della scorsa edizione del Concorso Niccolò Paganini di Genova, insieme all’Orchestra da Camera di Perugia, diretta dal violoncellista parmigiano Enrico Bronzi, è protagonista domenica 5 marzo 2023, alle ore 17.30, al Teatro Regio di Parma per la Stagione Concertistica 2023 realizzata da Società dei Concerti di Parma.

È il Concerto in re maggiore, n.1, per violino e orchestra, di Niccolò Paganini, con il quale il giovane violinista salernitano ha trionfato a Genova nel 2021, riportando il prestigioso premio in Italia dopo 24 anni, ad occupare la parte centrale di un programma strutturato come un percorso che, tra virtuosismo estremo, brillantezza ritmica e spiccato lirismo, trova in quella sensibilità belcantistica preromantica che prelude al teatro rossiniano il suo filo conduttore.

Le affinità con Rossini, infatti, accomunano le tre composizioni in programma, a partire dall’Overture Le nozze di Figaro di Wolfgang Amadeus Mozart, che apre il concerto: composta nel 1786, in apertura della prima opera della trilogia Mozart-Da Ponte, l’Overture, per l’inventiva ritmica e la vivacità trascinante che prelude proprio allo stile rossiniano, viene spesso eseguita come composizione autonoma in concerto. A chiudere il programma, la Sinfonia in do maggiore n. 6 di Franz Schubert, composta tra il 1817 e il 1818, ed eseguita postuma soltanto nel 1828. Definita “la Piccola” per distinguerla da quella più ampia composta dieci anni dopo nella stessa tonalità, la Sinfonia segna definitivamente l’emancipazione di Schubert dai suoi predecessori classici, con uno sguardo più orientato verso un lirismo tipicamente italiano che, proprio con le dirompenti novità introdotte da Rossini, trovava nuova freschezza.
Teatro Regio di Parma
domenica 5  marzo 2023, ore 17.30

ORCHESTRA DA CAMERA DI PERUGIA
Direttore ENRICO BRONZI
Violino GIUSEPPE GIBBONI

Wolfgang Amadeus Mozart (1756-1791)
Ouverture da Le nozze di Figaro
 
Nicolò Paganini (1782-1840)
Concerto n. 1 per violino e orchestra, in mi bemolle maggiore, op. 6
Allegro maestoso. Tempo giusto
Adagio
Rondo. Allegro spiritoso. Un poco più presto
 
Franz Schubert (1797-1828)
Sinfonia n. 6, in do maggiore, “Piccola”, D.589
Adagio – Allegro
Andante
Scherzo. Presto – Più lento
Allegro moderato

Martina Moretti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna in alto